News MotoGP

CONDIZIONI DIFFICILI PER LE PRIME SESSIONI AL COTA

 

FP1 BAGNATE ED UNA CADUTA NELLE FP2 RALLENTANO ALEIX

La prima considerazione dopo il venerdì al Circuit of the Americas di Austin, Texas, riguarda inevitabilmente le pericolose condizioni del tracciato. Dopo l’abbondante pioggia caduta durante la notte, i piloti hanno affrontato una FP1 bagnata e quindi poco indicativa, in considerazione anche dell’assenza da questa pista lo scorso anno che richiede quindi un doveroso adattamento.

Sono subito emerse le sconnessioni presenti sull’asfalto texano, che non hanno reso la vita semplice a tecnici e piloti nemmeno nel corso delle FP2 disputate con pista asciutta. Aleix, unico alfiere Aprilia in questo weekend, ha faticato a trovare il giusto feeling, lavorando a lungo su un setup che potesse almeno in parte mitigare gli effetti delle irregolarità. Sul finale di sessione, quando stava migliorando i suo riferimenti, Espargaró è anche incappato in una scivolata. Nessun problema fisico per lui, costretto ad accontentarsi della diciannovesima posizione finale.

ALEIX ESPARGARO’
“Siamo partiti con un setting molto simile a quello usato a Misano ma è evidente che dovremo stravolgere la RS-GP. L’asfalto è in condizioni pessime, molto peggio di quanto ricordassi, e i tempi lo dimostrano. Dopo aver parlato con i tecnici abbiamo deciso di cercare di trovare stabilità nelle sconnessioni, senza considerare gli eventuali svantaggi che questo setting potrebbe generare. Vista la pericolosità e la facilità nel commettere errori, è l’unica strada da seguire”.

CONDIZIONI DIFFICILI PER LE PRIME SESSIONI AL COTA - Gresini Racing
CONDIZIONI DIFFICILI PER LE PRIME SESSIONI AL COTA - Gresini Racing

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni